SUD SUDAN

Un gioco di squadra per salvare mamma e gemellini

22 Gennaio 2019

Dhurjang ha tra i 25 e  i 30 anni e vive nella zona di Tonj.

Ha già quattro bambini, tutti nati a casa. E in arrivo ce ne sono altri due!

Ora è infatti alla sua quinta gravidanza e dall’ecografia, fatta presso una delle strutture sanitarie vicine alla sua abitazione, ha scoperto di aspettare due gemelli. Uno è in posizione podalica. I nostri operatori le hanno consigliato di partorire presso l’Ospedale di Tonj, dove opera il CCM.

Lei però era decisa: voleva partorire anche questa volta a casa, visto che in precedenza tutto era andato per il verso giusto.

Ormai a gravidanza inoltrata, all’improvviso iniziano a manifestarsi forti dolori che cerca di sopportare riposandosi a casa. Con la rottura delle acque si accorge però che la situazione era diversa dalle altre volte e nota un prolasso del cordone ombelicale. Accompagnata dalla famiglia decide quindi finalmente di recarsi in Ospedale, distante circa 30 minuti.

All’arrivo è subito accolta da un’ostetrica, che comprende immediatamente la gravità della situazione e consulta rapidamente la squadra chirurgica: bisogna subito fare un cesareo!

Tempo 5 minuti la donna è già in sala operatoria: anestesia totale, taglio cesareo e i due gemellini vengono al mondo con punteggio APGAR 5 e 6, la mamma è subito stabilizzata. Dopo quattro giorni, mamma e i due neonati sono già a casa con fratelli, sorelle e papà.

Aiutaci a formare sempre più ostetriche, chirurghi e anestesisti!

Nella zona di Tonj il CCM supporta due Ospedali, quello di Tonj e di Maria Lou, e più di 20 centri di salute primaria.

La capacità degli operatori sanitari è fondamentale per salvare molte vite: devono saper rispondere in tempo e nel modo giusto alle possibili complicanze, soprattutto quelle durante la gravidanza e nei primi giorni dalla nascita che rappresentano la principale causa di morte materna e infantile!

Un ottimo risultato, fatto di tempestività, competenze e gioco di squadra!

Il prolasso del cordone ombelicale è un’emergenza ostetrica alla quale è necessario rispondere con velocità e molta competenza: può portare a una compromissione dell’apporto di ossigeno al bambino e anche alla morte, va gestita con manovre e tecniche precise e puntuali.

La squadra formata dall’ostetrica, dal chirurgo e dall’anestesista ha dimostrato di farcela!

Sfoglia i nostri racconti

Storie di donne che vivono la sfide di essere madre, in Africa e in Italia. Storie di bambini che possono ricevere tutte le cure di cui hanno bisogno. Storie di medici, infermieri, ostetriche e operatori sanitari che si formano per garantire servizi di qualità.
Storie di persone che hanno deciso di dedicare il proprio tempo e le proprie competenze agli altri.

Commenti all’articolo

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Comitato Collaborazione Medica è un’associazione che da quasi 50 anni coinvolge medici, personale sanitario e comunità, in Africa e in Italia, per promuovere e assicurare il diritto alla salute, a tutti.

Sorrisi di madri africane è la campagna del Comitato Collaborazione Medica.

Indirizzo

Via Ciriè 32/E - 10152 Torino

Telefono

011 66 02 793